27/03/2017, 21:29



Non-è-un-paese-per-giovani


 



Recensione cinematografica a cura di Gabriella Sanzone del film" Non è un paese per giovani" di Giovanni Veronesi : il regista noto al grande pubblico per film quali "Che ne sarà di noi" e "Manuale d’amore" ci regala un film intenso, ben articolato e a tratti commovente sull’ esodo di due giovani ventenni italiani alla ricerca di successo, fortuna e denaro in un posto insolito come Cuba .Sandro e Luciano, camerieri in un ristorante romano ma non con sogni piu grandi,  decidono di lasciare l’Italia x andare ad aprire un chiosco su una spiaggia con tutto un caleidoscopio di situazioni, avventure e disavventure che via via li troveranno coinvolti nella terra di Fidel Castro.La cosa che più mi ha colpito del film oltre il messaggio chiaro, diretto e duro del regista sulla condizione dei giovani italiani, sulla fuga dei cervelli -in altri casi- e sulla disperazione di molti che non trovano lavoro in Italia e devono trasferirsi all’estero per poter sbarcare il lunario, sicuramente è la fotografia bella, nitida, pulita.Ci sono immagini che ce le portiamo all’ uscita del film; bellissime alcune scene sulla spiaggia dalla sabbia bianca ed impalpabile dell’Avana o le strade  colorate del centro storico della città di Fidel con tanto di Cadillac rossa fuoco fiammeggiante. Due camei da sottolineare, sicuramente, sono uno rappresentato dalla bravura del grande Sergio Rubini, qui un edicolante abusivo barese in trasferta a Roma e l’altro è sicuramente rappresentato dalla partecipazione al film di Nino Frassica che ci regala forse una delle pagine più belle di cinema degli ultimi anni, di amara ironia e mesta comicità, ogni sua parola è sicuramente una perla di saggezza. Molto bravi i due protagonisti Filippo Scicchitano (Allacciate le cinture, 2014) e Giovanni Anzaldo (Il capitale umano, 2013).Da vedere.Voto:7e 1/2


1
Create a website