04/01/2017, 14:10

Cai Guo-Qiang, Kevin Macdonald, Sky Ladder



IL-CINESE-CHE-LA-SPARA-GROSSA


 Sky Ladder (la scala del cielo) dello scozzese Kevin Macdonald, premio Oscar nel 2000



Dipingere con la polvere da sparo, per poi incendiare l’opera d’arte. Da visionario, a volte, non riesco neanche a immaginare dove può spingersi la creatività e così quando qualcuno mi sorprende come fa Cai Guo-Qiang mi dispiace non averla pensata prima. Detta così, sembra facile: metti della polvere da sparo su una tela, copri col cartone e inneschi la miccia. Boom.
Cai Guo-Qiang (Quanzhou, 1957) rappresenta un’eccezione. Le sue installazioni sono immersive, ti avvolgono tra fumo e odore di bruciato, interattive tra fuochi d’artificio e polveri biodegradabili. Quando pensi di averlo capito, Cai mette in piedi la Sky Ladder, una scala di fuoco alta 500 metri, in grado di connettere simbolicamente la Terra con il resto dell’universo.  E tu là sotto come un puntino che guarda un cinese che l’ha pensata prima lui cosi come il branco di lupi che vanno a schiantarsi contro una parete di vetro del Guggenheim di Berlino.
Per chi volesse scoprire l’opera di Cai Guo-Qiang attraverso interviste, testimonianze e video delle performance, basta guardare Sky Ladder (la scala del cielo) dello scozzese Kevin Macdonald, premio Oscar nel 2000 per il documentario Un giorno a settembre, oltre che pluripremiato autore de L’ultimo Re di Scozia (2006).
P.S. Dimenticavo... Gli ho mandato una mail per il Festino di Santa Rosalia. Boom.


1
Create a website