14/01/2018, 18:12



Benedetta-follia


 



Credo che Verdone in questo film abbia voluto mettere al centro dell’attenzione la solitudine dell’uomo un uomo separato, divorziato, un uomo che non si dà pace per la fine di una storia d’amore la più importante, culminata nel matrimonio. Verdone che guarda al mondo delle chat e alla possibilità di poter trovare una donna con un metodo che non è il suo. Il film è fatto veramente bene sotto ogni punto di vista. Finalmente dopo tanti anni ritrova lo smalto dei film belli come ad esempio "Maledetto il giorno che ti ho incontrato" con Margherita Buy.
Mette al centro di tutto la difficoltà di un 60enne a rimettersi in discussione e a trovare una compagna o una... compagnia tramite mezzi alternativi che non sempre portano a delle buone esperienze di vita e di relazione. Il mondo dei telefonini, l’avvento dei cellulari, l’avvento delle chat, l’ uso distorto di certi mezzi sicuramente sono al centro del film.
Ho trovato qualche riferimento nella protagonista che sembra essere l’alter Ego di Claudia Gerini nel famoso verso "lo famo strano" e e’ palesemente copiata da Pretty Woman ma invertendo il ruolo dell’uomo e della donna.
DA VEDERE.
voto: 7 e 1/2.
recensione di Gabriella Sanzone


1
Create a website