11/04/2018, 13:37



TONYA


 



recensione di Gabriella Sansone

Moglie di Leonardo Di Caprio in " The Wolf of Wall Street "(2013 ) e abilissima ladra accanto a  Will Smith in "Focus "(2015),
Margot Robbie, considerata oggi dal Time tra le 100 persone più influenti al mondo, attrice australiana nonché  produttrice del film Tonya, è decisamente il personaggio dell’ anno.

Con un duro allenamento giornaliero sui pattini  durato per ben 4 mesi  prima delle riprese del film, Margot Robbie, che indossa divinamente bene colorati e sgargianti vestiti cuciti a mano con immensi sacrifici, interpreta alla perfezione la grande pattinatrice americana Tonya Harding passata alle cronache non solo per il famoso triplo axel , che solamente sei pattinatrici dopo di lei riuscirono a fare, ma anche per uno scandalo  e per il suo carattere crudo e duro.

Non mi va di raccontare la trama film, lascio allo spettatore ogni interpretazione ma sicuramente questo è un film che ha una grossa valenza sociologica , è un film completo sotto tutti i punti di vista: dal difficile rapporto  con la madre, la superlativa e magistrale Alison Janney
( premio Oscar miglior attrice non protagonista 2018), alla sua stessa adolescenza e poi al matrimonio fallito con il nullafacente e manesco Jeff  Gillooly, un sodalizio travagliato che brucia e fa male come le viscere dell’inferno.

La cosa che più sorprende é scoprire  nella parte finale del film che Tonya non andava bene per gli arbitri e per i giudici di gara perché lei non rappresentava il modello della famiglia normale americana, non piaceva il suo stile di vita, non piaceva come si comportava con i giudici, non incarnava dolcezza e delicatezza che tanto si addicono ad una pattinatrice  perché Tonya ha convissuto con la violenza a tal punto da prendere poi una decisione finale che si discosta dal suo amore per il pattinaggio perché , come dice lei stessa nel film, "devo pagare le bollette" e quindi pur di restare sotto i riflettori cambia la sua prospettiva di vita e di sport.

Per i grandi fruitori di cinema non mancheranno sicuramente dei riferimenti lampanti con il bellissimo film interpretato da Natalie Portman (  che le valse il premio Oscar 2010) ne "Il cigno nero "per quanto riguarda la competizione, la lealtà sportiva e la rivalità ma anche con il recente film trionfante al  Festival del Cinema di Roma "Borg /McEnroe" ed è  proprio il carattere  "contro tutto e tutti" di Mcenroe che si avvicina molto a quello di Tonya.
Ed infine due chicche:

Della famosa pattinatrice Tonya Harding che vinse  il campionato mondiale nel 1991 si disse che era il personaggio più famoso negli Stati Uniti dopo Bill Clinton!

Margot Robbie appena ha saputo di essere stata candidata all’Oscar con attrici del calibro di Meryl Streep e di Frances Mcdormand pare che  abbia fatto un boato perché non credeva veramente a quello che aveva sentito in televisione!!!

ASSOLUTAMENTEDA VEDERE.VOTO: 8  e 1/2


1
Create a website